Il cambiamento climatico supera il Covid nella classifica dei rischi emergenti

Il cambiamento climatico torna a occupare la prima posizione nella classifica dei principali rischi emergenti nel mondo. Nonostante la crisi sanitaria dovuta al Covid-19, il cambiamento climatico è di nuovo il rischio più temuto dai cittadini di tutto il mondo. Al secondo posto, e in aumento, si posiziona il rischio per la sicurezza informatica, che negli Stati Uniti sta diventando la prima preoccupazione.  Le società però sono ancora troppo impreparate per affrontare queste sfide. Lo rivela l’ottava edizione del Future Risks Report di AXA.

Il climate change è al terzo posto in Asia e Medio Oriente e al quarto in Africa

Lo studio internazionale Future Risks Report di AXA misura e classifica l’evoluzione della percezione in merito ai principali rischi emergenti nel mondo, tenendo in considerazione sia il punto di vista degli esperti di gestione del rischio sia quello dell’opinione pubblica. Il sondaggio è stato realizzato in collaborazione con Ipsos ed Eurasia Group, la società di consulenza di analisi geopolitica. I rischi legati al cambiamento climatico tornano quindi a occupare il primo posto tra i 10 principali rischi emergenti nel mondo. La consapevolezza riguardo il climate change è più alta in Europa, mentre si posiziona al terzo posto in Asia e Medio Oriente, e al quarto in Africa, dove il Covid-19 rimane la principale preoccupazione.

Il Covid-19 è al terzo posto nella classifica degli esperti

In un contesto segnato dall’accelerazione della trasformazione digitale e dall’esplosione del numero di attacchi informatici, lo studio conferma però anche una forte preoccupazione per la sicurezza informatica. Questo rischio infatti si posiziona al primo posto negli Stati Uniti e al secondo posto in tutte le altre aree geografiche. Quanto ai rischi relativi a pandemia e malattie infettive, che lo scorso anno si erano classificati al primo posto, è sceso al terzo posto nella classifica degli esperti, ma resta la preoccupazione più alta del grande pubblico, la cui quotidianità è ancora segnata dalla crisi sanitaria. La pandemia da Covid-19 ha avuto infatti un impatto duraturo sulla sensazione di vulnerabilità e i rischi per la salute: oltre il 70% degli intervistati afferma di essere preoccupato per i rischi di malattie infettive, malattie croniche e per l’impatto dell’esposizione a lungo termine a sostanze tossiche.

Un basso livello di fiducia nella capacità dei Governi 

In generale, l’indagine rivela un basso livello di fiducia nella capacità dei Governi di affrontare questi rischi. D’altronde, di fronte a rischi sempre più complessi, oltre il 55% degli intervistati ritiene che un approccio collettivo e globale sia il modo più appropriato per proporre soluzioni efficaci.

L’effetto della pandemia sulla retribuzione media annua

Come conseguenza dell’ampio ricorso alla cassa integrazione durante la pandemia da Covid-19 nel 2020 le retribuzioni medie annue risultano profondamente influenzate dalla riduzione delle giornate retribuite dal datore di lavoro. Le vicende drammatiche del 2020 hanno avuto un impatto dirompente sulle retribuzioni dei lavoratori, e condizionano pesantemente l’analisi della dinamica. È uno degli aspetti che emergono dal XX Rapporto annuale dell’Inps. Non si può spiegare altrimenti, spiegano dall’Inps, sia la caduta della retribuzione media annua dei dipendenti, scesa da 24.140 euro nel 2019 a 23.091 euro nel 2020 (-4,3%), corrispondente a una perdita di poco più di 1.000 euro, sia la crescita contemporanea delle retribuzioni medie annue dei dipendenti full year (passate da 32.668 a 36.448 euro, +11,6%) e dei dipendenti part year (passate da 12.698 euro a 14.698 euro, +15,8%).

Una modifica nella distribuzione dei dipendenti per continuità di impiego

Secondo il XX Rapporto annuale Inps si tratta di una dinamica che sottintende fenomeni di selezione settoriale e professionale che rispetto all’anno precedente hanno ridotto e modificato la composizione dei dipendenti full year, e specularmente, aumentato e modificato quella dei dipendenti part year. È evidente, dunque, che il risultato complessivo finale di vistosa contrazione della retribuzione media annua è condizionato soprattutto dall’eccezionale modifica nella distribuzione dei dipendenti per continuità di impiego. Questo a causa della consistenza e della diffusione delle sospensioni dal lavoro causate dalla pandemia.

La riduzione dei contratti part time, dell’apprendistato e dei contratti a termine

Non a caso sono solo le retribuzioni del settore pubblico a evidenziare dinamiche nettamente più contenute, allineate con quanto usualmente si osserva di anno in anno, perché in pratica non ‘viziate’ dalle variazioni straordinarie delle giornate effettivamente lavorate. Analoghe considerazioni, spiega l’Inps, si possono proporre a proposito delle retribuzioni medie giornaliere. Anche in tal caso hanno influito le dinamiche eccezionali del 2020, con la riduzione, nella composizione della domanda di lavoro effettiva, sia dei contratti part time sia dell’apprendistato e dei contratti a termine.

Rimangono mediamente più stabili le retribuzioni nel settore pubblico

È per questo motivo, si legge ancora nel XX Rapporto annuale Inps ripreso da Adnkronos, che la retribuzione media giornaliera è aumentata per l’insieme dei dipendenti, passando da 96 euro a 98 euro (+2,8%). Anche l’incremento della retribuzione media dei dipendenti part year, passata da 73 euro a 79 euro (+7,5%) è effetto delle dinamiche già indicate. Rimangono mediamente più stabili, e rispetto al settore privato più alte, le retribuzioni nel settore pubblico.

Lombardia, dalla Regione un nuovo impulso agli investimenti esteri

Obiettivo, convogliare sul territorio importanti investimenti esteri. Ha questo preciso scopo il nuovo passo effettuato dalla giunta, che ha recentemente definito i criteri della manifestazione di interesse per la mappatura delle opportunità di insediamento e di investimento in Regione. 
“La Lombardia – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Guido Guidesi – è la Regione più attrattiva d’Italia e vogliamo continui ad essere meta privilegiata per gli investitori esteri. Questa iniziativa vuole dare un’opportunità concreta a chi vuole venire ad investire in Lombardia. Rispetto al passato abbiamo voluto introdurre importanti novità: la prima riguarda l’inclusione della tipologia di offerta progetti di riqualificazione e/o sviluppo urbano, la seconda l’ampliamento della platea di soggetti destinatari, oltre ai Comuni, anche Unioni di Comuni, Comunità Montane, Province e Città Metropolitane”.

Due diverse tipologia di offerta: opportunità di insediamento e riqualificazione

Le opportunità di insediamento e i progetti di investimento con le funzioni d’uso ammesse verranno pubblicati sulla piattaforma digitale, nuova e userfriendly www.investinlombardy.com. In merito alle tipologie di offerta, queste sono due, ben distinte fra loro: “La prima riguardante le aree edificabili ed edifici esistenti quali opportunità di insediamento per attività di tipo prevalentemente economico e comprendenti sia le aree pronte all’uso sia le aree e gli immobili dismessi. La seconda rivolta a progetti di riqualificazione e/o di sviluppo urbano strategici per il territorio quali opportunità di investimento. Per entrambe le tipologie di offerta potranno essere candidate opportunità di proprietà pubblica e/o privata, in questo secondo caso previa attivazione di una procedura ad evidenza pubblica” spiega una nota della Regione.

I vantaggi dell’investimento

L’ammissione alla manifestazione d’interesse offre i seguenti vantaggi: pubblicazione sulla piattaforma www.investinlombardy.com di una scheda informativa sull’opportunità di insediamento/progetto di investimento. Ed inoltre: la promozione delle opportunità di insediamento e dei progetti di investimento attraverso azioni specifiche e mirate in occasione di iniziative di promozione su scala nazionale e internazionale come eventi, meeting, conferenze, convegni, fiere, campagne di comunicazione ed editoria. Azioni queste realizzate in collaborazione con Promos Italia, il Sistema Camerale lombardo e nella collaborazione istituzionale tra Regione Lombardia e gli Enti della diplomazia economica italiana ed estera.
“Grazie a questo progetto oggi in Lombardia gli investitori italiani ed esteri hanno a disposizione dei servizi qualificati di supporto alle loro decisioni, con un unico punto di accesso e una piattaforma telematica dedicata che raccoglie le opportunità di investimento. – ha dichiarato Gian Domenico Auricchio Presidente di Unioncamere Lombardia. È con queste azioni concrete che vogliamo intercettare la ripartenza economica per consolidare l’attrattività del nostro territorio e contribuire così a creare nuovi insediamenti economici nella nostra regione.”
“Da anni la Lombardia ha saputo fare sistema – ha spiegato Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia – enti ed istituzioni regionali collaborano tra loro e con omologhi nazionali ed internazionali con l’obiettivo di sviluppare progetti e politiche in grado di favorire l’attrattività. Non è un caso che la regione lombarda sia la più attrattiva d’Italia, con circa 200 progetti di investimento estero atterrati nell’ultimo triennio, e nel 2021 sono già 30 i progetti di investimento estero annunciati in Lombardia”.

Italiani scettici e impreparati per la sostenibilità digitale

Qual è il livello di consapevolezza degli italiani sui temi sostenibilità e digitale? E qual è il loro punto di vista sul ruolo della digitalizzazione come strumento di sviluppo sostenibile? A queste domande risponde la ricerca Italiani e Sostenibilità Digitale: cosa ne sanno, cosa ne pensano, realizzata dal Digital Transformation Institute, la prima Fondazione di Ricerca italiana per la sostenibilità digitale. Con Next Generation EU, l’Italia potrà infatti investire nei prossimi anni 191 miliardi di euro nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Un piano basato appunto su due assi, digitalizzazione e sostenibilità ambientale e sociale.

La percezione dell’urgenza delle scelte sostenibili
L’80% degli italiani afferma di avere una conoscenza abbastanza o molto precisa della sostenibilità. Tuttavia, le persone interpretano tale concetto in una dimensione ideologica, priva di un reale impatto nei comportamenti o nelle azioni. Ciò emerge con forza a partire dalle priorità percepite: il 46% degli italiani ritiene prioritarie le scelte ambientali e il 38% quelle orientate al benessere dell’individuo, con un 16% che mette al primo posto le scelte economiche. Allo stesso tempo una parte significativa degli italiani (62%) non è in grado di correlare la visione di sostenibilità che ritiene prioritaria con le scelte economiche e sociali che dovrebbero essere coerenti con essa.

La strada per la sostenibilità digitale è in salita
Anche per quanto attiene la tecnologia i contrasti sono molto forti. Il 92% ritiene infatti che il digitale sia fonte di opportunità, ma il 65% sostiene anche che sia fonte di diseguaglianza, perdita di posti di lavoro e ingiustizia sociale. La strada per la sostenibilità digitale, ovvero l’uso della tecnologia come strumento di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, è quindi in salita. Inoltre, benché la maggioranza degli italiani abbia chiara l’urgenza di affrontare problemi come il cambiamento climatico (74%) e l’inquinamento (76%), la gran parte nella pratica quotidiana non fa quanto potrebbe per usare la tecnologia come strumento di sostenibilità. Sono infatti solo il 10% gli italiani che utilizzano regolarmente applicazioni a supporto della riduzione dei consumi, mentre il 13% le usa raramente, e il 27% dichiara di non conoscerne l’esistenza. Ma il dato più significativo è rappresentato da un 49% che pur specificando di conoscerne l’esistenza, comunque non le adotta. 

Manca la consapevolezza dell’impatto della tecnologia sull’ambiente

Inoltre, se da una parte le persone non usano il digitale come strumento di sostenibilità, dall’altra non si rendono conto di quanto davvero impatti sull’ambiente. Più della metà degli intervistati sostiene che l’impatto ambientale della digitalizzazione sia forte (61%), tuttavia sono solo il 13% coloro che riescono a quantificare correttamente il consumo effettivo di un’ora a settimana di streaming video, ovvero, pari a quello di due frigoriferi collegati 24h. Insomma, non solo non sfruttiamo appieno la tecnologia digitale come risorsa per lo sviluppo sostenibile, ma non ci rendiamo nemmeno pienamente conto di quale sia il suo reale impatto ambientale.

Il mercato immobiliare tiene, ma la qualità energetica non migliora

Nonostante la pandemia, nel 2020 l’introduzione del nuovo regime di incentivi fiscali per gli interventi di efficienza energetica e antisismici degli edifici e del Superbonus al 110% hanno contribuito alla tenuta generale del mercato immobiliare italiano. Un risultato positivo, purtroppo non bilanciato dai dati relativi al miglioramento della qualità energetica degli edifici. È quanto emerge dall’analisi sul monitoraggio delle dinamiche del mercato immobiliare in funzione delle caratteristiche energetiche degli edifici, frutto della collaborazione tra l’ENEA, l’Istituto per la Competitività (I-Com) e la Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (FIAIP).

Efficienza energetica, un dato largamente insoddisfacente

“La tenuta del mercato immobiliare anche rispetto alla dimensione dell’efficienza energetica è un dato molto positivo se si considera che il 2020 è stato un anno particolare, segnato da consistenti arretramenti di molti indicatori economici e di benessere sociale causati alla pandemia – sottolinea Franco D’Amore, vicepresidente I-Com -. Se però guardiamo agli obiettivi per l’efficienza energetica al 2030 e ancor di più, alla prospettiva della decarbonizzazione del parco immobiliare al 2050, il dato è largamente insoddisfacente”.

La compravendita maggiore è ancora per gli immobili di classe G 

L’indagine evidenzia come la percentuale di immobili appartenenti alla classe energetica G risulti ancora la maggiore nel corso del 2020, nel quale però non si è ancora vista un’accelerazione della qualità energetica in linea con le prospettive indicate dall’Unione europea. Per il comparto del nuovo e del ristrutturato si assiste invece a un sostanziale consolidamento dei dati rispetto al 2019, mentre raggiunge quasi un valore di saturazione la percentuale degli immobili compravenduti nuovi nelle classi energetiche A1-4 e B, pari all’80%. La dimostrazione che gli obblighi di legge sugli standard minimi hanno inciso notevolmente sui trend di mercato per questa tipologia di immobili. Quanto ai dati relativi alla percentuale di edifici e alle classi energetiche maggiormente ricercate, quattro classi in termini di performance energetiche (G-D) coprono una percentuale che va dall’85% dei monolocali al 74% delle villette a schiera. In particolare, le villette a schiera crescono di 6 punti percentuali rispetto al 2019.

Il 2021 potrebbe rappresentare l’anno di svolta

Dal report risulta invece leggermente in calo il dato relativo agli immobili di migliore qualità energetica sottoposti a ristrutturazione e immessi sul mercato, che passa dal 36% del 2019 al 30% del 2020. La ristrutturazione rappresenta quindi un’importante finestra di opportunità per incidere sulla qualità energetica degli edifici, anche alla luce dell’impatto delle misure del Superbonus 110%. La speranza è quindi che il 2021 possa rappresentare l’anno di svolta. “Qualificazione della domanda immobiliare, effetti delle misure del Superbonus 110% ed entrata a pieno regime delle norme sugli edifici a emissione quasi zero – sottolinea D’Amore – potrebbero essere l’innesco di un salto radicale nelle dinamiche del mercato immobiliare rispetto al tema dell’efficienza energetica”.

I complementi d’arredo importanti per la tua casa

Quando hai arredato casa e pensi di aver completato ogni aspetto, arriva il momento in cui ti accorgi che in realtà manca qualcosa e che ci sono piccoli elementi che ricoprono un ruolo molto importante per completare gli arredi di ogni stanza. Vediamo insieme quali.

I cuscini, un accessorio che evidenzia la tua personalità

Quando si tratta di idee per un soggiorno moderno c’è un accessorio che garantisce comodità ed un impatto visivo, stiamo parlando dei cuscini.  Questi fanno la differenza in ogni spazio, abbinandosi facilmente ad altri elementi e regalando una sensazione di cura e benessere.

Il colore da scegliere dipende dal concept degli arredi, e variano dai toni pastello alle stampe fino a quelli più eleganti in bianco e nero. Di sicuro il loro stile è senza tempo poiché i cuscini non passano mai di moda.

Decorare uno spazio o rinnovarlo è un compito assai difficile dunque, ma ci sono complementi che sono in grado di aiutarci e sicuramente i cuscini decorativi sono tra questi. Possiamo pensare a diversi tipi di cusciti da abbinare allo stile degli arredi, trame, forme e una gamma infinita di colori.

Tappeti come elemento strutturale

Combina le nuove tendenze di arredo con elementi di lusso come i migliori tappeti, ideali per mettere in risalto i diversi tessuti presenti nel tuo living e dare maggiore sensazione di calore. Un tappeto cambia l’impatto visivo della stanza (anche la più semplice) e la trasforma in un luogo di lusso ed elegante. Un buon tappeto riesce inoltre ad abbassare i toni fornendo una sensazione di delicatezza.

Lampade

Le lampade sono un elemento fondamentale per proiettare calore e sensazione di benessere nella tua casa. Alcuni modelli di lampade artistiche sono particolarmente eleganti ed in grado di infondere eleganza e ricercatezza ad ogni ambiente, grazie anche ai particolari giochi di luci ed ombre che è possibile creare posizionandole nei punti giusti.

Non hai che l’imbarazzo della scelta dunque, per completare l’arredamento di casa con complementi eleganti e realmente in grado di apportare valore ad ogni tipo di ambiente.

Codici Sconto Amazon, opportunità di risparmio per tutti

Su Sconti e Buoni trovi ogni settimana tanti Codici Sconto Amazon per acquistare al prezzo più conveniente tutto ciò di cui hai bisogno. Ogni buono sconto è legato ad un’offerta specifica su una determinata tipologia di prodotti, dall’arredamento all’abbigliamento, dalla telefonia agli elettrodomestici. Scegli il codice sconto Amazon che fa per te e ottiene subito una riduzione sul prezzo di determinati brand e prodotti.

Codici sconto Amazon: gli sconti disponibili

Chi sceglie di usare il codice sconto Amazon ha accesso a diverse formule di sconto, tutte visualizzabili su Sconti e Buoni e con una precisa data di scadenza. Ci sono, ad esempio, le offerte lampo che sono legate non solo a limiti temporali, ma anche di numero di prodotti acquistabili. Per questo è importante visitare periodicamente il nostro sito, in modo da non perdersi nessuna opportunità di risparmiare con i coupon sconto Amazon. In molti casi il codice promozionale Amazon scade e quindi è importante verificare sempre tempi e termini dell’offerta.

Come usare il Codice Sconto Amazon

Se sul sito Sconti e Buoni hai trovato una promozione Amazon interessante non devi far altro che cliccare sul pulsante giallo per vedere il codice. Sarai reindirizzato al sito del marketplace e potrai scegliere il prodotto da acquistare, indicando nel carrello il codice sconto.

Il processo di acquisto con lo sconto Amazon è davvero semplice, ti basta digitare l’indirizzo di consegna, le opzioni di spedizione e pagamento e inserire nella casella il codice alfanumerico che hai trovato sul nostro sito. La riduzione si applica immediatamente all’importo totale e non devi far altro che aspettare di ricevere a casa il tuo pacco.

Amazon: il vantaggio delle spedizioni gratuite e del reso

Chi acquista su Amazon per un importo superiore ai 29€ non paga spese di spedizione e se si è insoddisfatti dell’articolo si può restituirlo entro 30 giorni. Per ottenere il rimborso si deve comunicare l’intenzione di resi e inviare il pacco al centro logistico Amazon. Ricorda: il diritto di reso vale anche per i prodotti acquistati con Coupon Amazon e Codici Sconto Amazon.

Non solo Black Friday e Cyber Monday: il risparmio dura tutto l’anno

Con Amazon non si risparmia solo nelle 24 ore di sconti di tradizione americana rappresentati dal Black Friday e Cyber Monday, ma tutto l’anno. Grazie a Sconti e Buoni potrai accedere a sempre nuove offerte e rende lo shopping un’esperienza piacevole ogni giorno per 365 giorni all’anno. Scopri subito i nuovi Codici Sconto Amazon!

Incertezza su futuro e salute: meno spese, più strumenti finanziari e assicurativi

L’attuale clima di insicurezza rende le famiglie italiane dubbiose sui progetti futuri e la pianificazione delle spese per il 2021. Nell’ultimo semestre del 2020 il 43% delle famiglie italiane non è riuscita a risparmiare, e se per il 24% questa è una situazione nuova, il restante 19% definisce la difficoltà strutturale, che non dipende cioè solo dalla crisi sanitaria. Allo stesso tempo, l’incertezza sul futuro e sulla salute spingono il ricorso a strumenti finanziari e assicurativi. Secondo i dati dell’Osservatorio The World After Lockdown di Nomisma e CRIF, il 14% degli attuali user ha infatti intenzione di aumentare la spesa per investimenti in fondi pensione, e il 17% per polizze sanitarie integrative.

Chi è riuscito a risparmiare lo ha fatto non senza difficoltà

I dati di Nomisma e CRIF parlano chiaro: chi è riuscito a risparmiare (57%) lo ha fatto non senza difficoltà, spesso facendo fronte a stento ad alcune voci di spesa o rimandando alcune spese. Tra le spese affrontate a fatica ci sono le utenze: un quarto degli italiani negli ultimi sei mesi ha avuto difficoltà a far fronte ai pagamenti delle bollette, così come del canone di affitto, e il rimborso delle rate di mutui e finanziamenti. Se 4 italiani maggiorenni su 10 hanno un contratto di finanziamento in corso, di questi, il 20% dichiara di aver rimborsato le ultime rate dell’anno con una certa difficoltà. Per tale ragione, molti hanno dovuto rivedere le proprie posizioni, ad esempio beneficiando della moratoria per la sospensione del rimborso delle rate.

Nasce l’esigenza di proteggersi e tutelarsi

Tale scenario di incertezza ha fatto nascere però l’esigenza di proteggersi e tutelarsi maggiormente: il 5% degli italiani dichiara di avere intenzione di incrementare, rispetto a prima dell’arrivo dell’emergenza sanitaria, il ricorso a strumenti finanziari, come la sottoscrizione di polizze assicurative. La previsione che vede ampliarsi il ricorso a servizi banking o insurance sembra legata alla maggiore attenzione per la tutela del proprio futuro e della propria salute: il 14% ha intenzione di aumentare la spesa per investimenti in fondi pensione e il 17% per polizze sanitarie integrative.

Nel 2021 si continuerà a ridurre o rimandare le spese Non conoscendo i tempi per un pieno ritorno alla normalità, per gestire meglio questa fase di incertezza gli italiani si dichiarano pronti a comprimere o addirittura a rinunciare a molte delle spese non strettamente necessarie. Il 36% degli intervistati quest’anno prevede infatti di risparmiare sui consumi fuori casa, il 36% anche sui trasporti pubblici e il 35% su viaggi e vacanze.  Ma i cittadini sembrano orientati a privarsi anche di alcuni momenti di relax, ad esempio riducendo lo shopping per abbigliamento e scarpe (29%), o stringendo la cinghia anche sui servizi alla persona, come estetista e parrucchiere (23%) o baby-sitter (5%). E sarà così anche le spese per casa e auto: il 15% delle famiglie prevede di spendere di meno per la manutenzione della propria abitazione e il 24% per l’auto

Le novità per gli automobilisti nel 2021

Tante sono le novità che attendono gli automobilisti nel 2021, dalle sanzioni meno care al cashback su bollo e assicurazione fino agli incentivi per cambiare l’auto. Come ricorda laleggepertutti.it, dal 1° gennaio 2021 l’importo delle multe più elevate per le violazioni del Codice della strada è stato abbassato. È previsto infatti un ribasso dello 0,2% per le sanzioni che vanno oltre i 250 euro. Pochi spiccioli in meno, ma è già qualcosa. Aumentano inoltre di 1.000 euro senza rottamazione e di 2.000 euro con rottamazione gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche o ibride con emissioni fino a 60 g/km di CO2. Per la fascia da 61 a 135 g/km sono previsti poi bonus di 1.500 euro (più 2.000 del venditore) entro il 30 giugno 2021.

Cashback su bollo auto e assicurazione

Le spese per il bollo auto e per l’assicurazione del veicolo, oltre a quella per eventuali multe, ora possono essere inserite tra quelle che danno diritto al cashback, cioè al recupero del 10% dei pagamenti effettuati con moneta elettronica. Va ricordato però che per riavere indietro la percentuale sulla somma versata si devono eseguire almeno 50 transazioni nell’arco del semestre. Questo, per essere rimborsati per un massimo di 150 euro, anche se la spesa semestrale è stata superiore a 1500 euro.

Proroghe patente, e revisione auto 

Chi ha presentato la domanda per fare la patente nel 2020 ha un anno di tempo, anziché sei mesi, per eseguire l’esame di teoria, una proroga dettata dall’emergenza Covid. Per lo stesso motivo, è stato rinviato al 30 aprile 2021 il rinnovo delle patenti in scadenza dal 31 gennaio 2020. La visita presso la Commissione medica locale deve essere eseguita entro 90 giorni dalla fine dello stato di emergenza. Sono poi stati posticipati anche i termini per la revisione auto: entro il 31 gennaio 2021 per le revisioni scadute a giugno 2020, entro il 28 febbraio 2021 quelle scadute a luglio, ottobre, novembre e dicembre 2020, ed entro il 31 marzo 2021 quelle scadute ad agosto 2020. I centri di revisione e le autofficine devono inoltre sottoporre le attrezzature alla revisione periodica entro il 31 dicembre 2021 anziché entro il 31 maggio.

Bonus autocarri ed ecotassa

Previsto poi anche un bonus da 800 a 8.000 euro per autocarri e autoveicoli speciali M1, e sono previsti incentivi fino all’esaurimento dei fondi anche per i mezzi con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate. E se passa da 161 a 191 g/km di CO2 il limite oltre il quale scatta l’ecotassa sui veicoli sono stati ampliati gli scaglioni più bassi, mentre gli importi restano compresi tra 1.500 e 2.500 euro. Aumenta poi del 10% la quota di fringe benefit nella retribuzione di chi utilizza una nuova auto aziendale che emette più di 160 g/km di CO2. In pratica, dal 40% al 50% del costo chilometrico nella fascia tra 160 e 190 g/km e dal 50% al 60% nella fascia da 191 g/km in su, riporta Adnkronos.

460.000 piccole imprese rischiano la chiusura

le imprese più piccole sono a rischio estinzione. Il Covid-19 potrebbe spazzare via addirittura il doppio delle microimprese “morte” tra il 2008 e il 2019 in conseguenza alla grande crisi. Di fatto, è in pericolo il meglio del modello di sviluppo italiano: 460.000 piccole imprese italiane, quelle con meno di 10 addetti e sotto i 500.000 euro di fatturato, rischiano infatti di essere decimate a causa dell’epidemia. Sono l’11,5% del totale, e nel 2021 potrebbero non esserci più, insieme a un fatturato complessivo di 80 miliardi di euro, e quasi un milione di posti di lavoro.

Crollo dei fatturati e crisi di liquidità

È quanto emerge dal 2° Barometro Censis-Commercialisti sull’andamento dell’economia italiana, realizzato in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, attraverso le valutazioni di un campione di 4.600 commercialisti italiani. Dallo studio emerge inoltre che il 29% dei commercialisti rileva come più della metà delle microimprese clienti (370.000) abbia almeno dimezzato il proprio fatturato, un dato che scende al 21,2% nel caso di commercialisti che si occupano di imprese medio-grandi. Inoltre, il 32,5% registra in più della metà della clientela (415.000) una perdita di liquidità superiore al 50% nell’ultimo anno (il dato scende al 26,2% tra i commercialisti che seguono imprese di maggiori dimensioni).

Il parere sugli interventi pubblici

Le misure pubbliche adottate durante l’emergenza ottengono una valutazione non omogenea, in particolare, il sostegno alle imprese (moratoria sui mutui, garanzie statali sui prestiti) viene giudicato positivamente dal 45,2%, e in modo negativo dal 34%, gli aiuti al lavoro (divieto di licenziamento, ricorso alla Cassa integrazione in deroga) sono promossi dal 43,4%, e bocciati dal 34,9%, e il sostegno alle famiglie (bonus babysitter, congedi parentali, Reddito di emergenza) è visto con favore dal 36,6%, mentre il 37,5% ne dà un giudizio negativo. La sospensione dei versamenti fiscali e contributivi per le imprese più penalizzate, poi, è valutato bene dal 33,3%, male dal 46,9%. Per i commercialisti lo sforzo statuale nel supportare gli operatori economici e i lavoratori durante il blocco di mercati e imprese va apprezzato, ma non basta. Bisogna intervenire subito agendo su quello che non ha funzionato.

Snellire gli adempimenti burocratici e i passaggi formali

Se gli strumenti di sussidio vengono promossi, viene però bocciata l’effettiva applicazione delle misure a causa dei detriti burocratici che rallentano tutto. Per i commercialisti occorre snellire gli adempimenti burocratici e i passaggi formali per rendere gli interventi più efficaci. Il 79,9% dei commercialisti auspica infatti più chiarezza nei testi normativi, il 76,7% chiede tempestività nei chiarimenti sulle prassi amministrative, il 70,7% molti meno adempimenti, il 67,2% una migliore distribuzione delle risorse pubbliche tra i beneficiari, il 61,1% una più efficace combinazione delle misure adottate, il 58,4% un taglio netto dei tempi necessari per l’effettiva erogazione degli aiuti economici, il 49,9% ritiene necessari stanziamenti economici più consistenti.

Ma per il 41% bisogna essere pronti a tutto, e il 27,6% sottolinea l’ansia pervasiva provocata dalla nuova ondata di contagi.