Facebook, in Italia sono 214mila i profili condivisi con Cambridge Analytica

In Italia i profili di Facebook condivisi in modo improprio con Cambridge Analytica sarebbero più di 214mila, in particolare 214.123. E a livello globale si è arrivati al numero di 87 milioni, ben 37 milioni in più dei 50 milioni di cui si era parlato subito dopo lo scandalo.

I dati aggiornati figurano nel penultimo paragrafo del blogpost pubblicato dal chief technology officer di Facebook, Mike Schroepfer, dove si illustrano i cambiamenti adottati dal social media per proteggere informazioni e dati degli utenti.

“In totale, crediamo che le informazioni di Facebook relative a 87 milioni di persone, prevalentemente negli States, possano essere state impropriamente condivise con Cambridge Analytica”, scrive Schroepfer nel testo.

In Italia 57 persone hanno installato ThisIsYourDigitalLife e hanno coinvolto la loro rete di amicizie

Attraverso un test di personalità, Cambridge Analytica era riuscita ad accedere a informazioni come la città indicata sul profilo degli utenti, o ai contenuti ai quali avevano reagito, riporta QuiFinanza. Circa 320 mila persone sono state pagate tra 2 e 5 dollari per rispondere al quiz, cui si poteva accedere autenticandosi con le credenziali di Facebook. L’app raccoglieva anche altre informazioni, come i like e i dati personali dall’account Facebook, così come quelli degli amici di chi si era sottoposto al test. In Italia le 57 persone che hanno installato ThisIsYourDigitalLife, l’app di Aleksandr Kogan, hanno coinvolto la loro rete di amicizie, arrivando appunto a coinvolgere 214.123 profili.

Zuckerberg: “la responsabilità è mia”

In una conference call con i media Mark Zuckerberg ha ammesso che la società ha commesso un “enorme errore” a non adottare ulteriori misure per proteggere i dati e la privacy dei propri utenti, riferisce Adnkronos. Alla domanda se qualcuno di Facebook fosse stato licenziato in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica, Zuckerberg ha detto che la vicenda è una sua responsabilità. “Non ho intenzione di licenziare qualcuno per gli errori che abbiamo commesso qui”.

Per la CE l’accesso ai dati personali e l’uso improprio degli stessi non è accettabile

Per la Commissione Europea, dichiara Christian Wigand, portavoce della CE, “l’accesso ai dati personali e il successivo uso improprio degli stessi appartenenti a utenti Facebook non è accettabile. La commissaria Vera Jourova – continua il portavoce – ha mandato una lettera a Facebook la settimana scorsa, per chiedere ulteriori chiarimenti entro due settimane. Nel frattempo Facebook si è già messa in contatto con noi e dimostrato la volontà di confrontarsi: ora stiamo organizzando contatti ad alto livello nei prossimi giorni”.

Condividi: