Italia, l’e-commerce è ancora un mondo da uomini

L’e-commerce non si è ancora colorato di rosa. Almeno non in Italia. Nel nostro paese, infatti, le attività di vendita e acquisto on line nel corso del 2018 sono state prevalentemente effettuate da mani maschili. Uomini soprattutto di età compresa fra i 35 ed i 44 anni. Lo rivela una recente indagine realizzata da Idealo e anticipata da Adnkronos. Insomma, le donne comprano ancora relativamente poco in rete.

Pneumatici e accessori da moto le scelte clou

Gli uomini attivi on line hanno comprato prevalentemente pneumatici per motocicli e per fuoristrada, pneumatici invernali ed estivi e stivali da moto. Ma anche le signore, seppure in numeri minori, hanno fatto la loro parte. Lo afferma la ricerca, segnalando che se nel 2018 le intenzioni di acquisto registrate sul portale italiano di idealo sono aumentate del 20% rispetto allo stesso periodo del 2017, tra le categorie di prodotti maggiormente cresciute rispetto allo scorso anno ci sono quelle destinate ad un pubblico prettamente femminile come orecchini, prodotti solari, prodotti per la cura di viso e corpo e make up. E’ questo un settore di mercato che ha registrato un balzo in aventi del 200% settore che è aumentato ben del 200%, colorando un po’ più di rosa i trend dell’e-commerce tricolore.

Salute e bellezza un comparto in crescita

“Per il 2019 ci aspettiamo anche un aumento dell’utilizzo della comparazione prezzi da parte delle donne” ha detto all’Adnkronos Fabio Plebani, Country Manager per l’Italia della piattaforma Idealo. “Prevediamo, infatti, una crescita anche nei settori Salute & Bellezza, da sempre di maggiore interesse per il pubblico femminile”. Il 2019, aggiunge Plebani, “sarà comunque un anno interessante sotto diversi punti di vista anche per il settore degli smartphone con nuovi player come Xiaomi e Oppo che, secondo le previsioni, conquisteranno una buona fetta di mercato italiano”.

Smartphone e moda sempre nel carrello

Nel corso del prossimo anno la curiosità dei consumatori italiani online si concentrerà ancora sui prodotti hi-tech come gli smartphone anche se, secondo gli analisti di Idealo, “l’interesse nei confronti dei cellulari ha già registrato nel 2018 una leggera diminuzione rispetto al 2017”. Oltre agli smartphone, gli italiani punteranno a comprare sul web prodotti legati al settore dell’elettronica di consumo come tablet, notebook, cuffie. E non solo. L’e-commerce tricolore si baserà anche sui capi di abbigliamento come sneakers e scarpe da corsa o da allenamento, un settore che nell’anno che sta per chiudersi è stato particolarmente cercato. Tirando ancora il bilancio del 2018, tra le categorie più desiderate in assoluto rimangono smartphone, sneakers e televisori. A registrare invece una diminuzione di interesse sono stati nel 2018 prodotti di riscaldamento e ventilazione, maglioni da uomo, case per bambole e biciclette.

Condividi:

La qualità  ed il design delle proposte Leon Louis

Oggi più che mai i giovani sono particolarmente attenti nello scegliere cosa indossare, perché dall’abbigliamento dipende buona parte della prima impressione che gli altri si fanno di noi al primo sguardo. Per questo motivo si tende sempre più ad indossare capi che richiamino in qualche maniera il proprio stile di vita nonché la personalità, così da comunicare a chi ci osserva tratti del nostro modo di fare e di essere semplicemente comunicandolo tramite ciò che si indossa. Ecco il motivo per il quale le nuove generazioni sono sempre più selettive nel decidere quali capi d’abbigliamento acquistare, pur non rinunciando alla qualità di tessuti e lavorazioni. Leon Louis è uno di quei marchi in grado di abbinare stile e design ad una eccezionale qualità generale del prodotto, e riscuote da anni un successo che continua a registrare numeri al rialzo tanto da collocare questo prestigioso marchio in cima alle preferenze di giovani e meno giovani.

Presente sul mercato dal 2010, anno in cui Leon Louis presentò ufficialmente le sue collezioni al mondo, questo prestigioso marchi è oggi un punto di riferimento per giovani e meno giovani, i quali hanno precise idee in fatto di stile e design e accolgono favorevolmente un brand che consenta loro di ottenere esattamente l’impronta stilistica desiderata senza alcun compromesso. Puoi farti un’idea delle creazioni Leon Louis su www.revolutionconceptstore.it, e visionare in dettagli tantissime proposte in fatto di bermuda, pantaloni, giubbini e tanti altri capi selezionati appositamente per offrire una risposta concreta a quanti amano vestire in maniera ricercata e particolare. Ogni articolo è accompagnato da ampia galleria fotografica grazie alla quale è possibile scoprire in anteprima ogni dettaglio, e verificare la qualità della lavorazione. Aggiunta la merce al carrello ed effettuato il pagamento, si riceverà il proprio ordine direttamente a casa entro un paio di giorni lavorativi.

Condividi:

Il mercato del lusso si evolve: luxury sì, ma spazio anche ai brand premium

Che il segmento lusso sia uno di quei settori che non conosce crisi, attraversando indenne gli anni più duri dell’economia mondiale, non è certo una novità. Eppure qualcosa sta cambiando, a livello strutturale. Un trend di cui le aziende attive nel luxury non possono non tenere conto. Già, perché il prossimo futuro, stando alle previsioni, sarà sempre più trainato da beni sì belli e di pregio, ma meno costosi. Il casual entrerà negli armadi dei top spender e il mondo digitale detterà le nuove regole. Comprese quelle dell’apparire e degli status symbol.

Lusso, un business da 318 miliardi all’anno

Nel 2016 il mercato dei prodotti di lusso ha raggiunto i 318 miliardi di euro a livello globale e si prevede una crescita del 3,6% medio annuo nel periodo 2016-2020. I dati, davvero impressionanti, sono il frutto dello studio annuale di Ey, ‘The luxury and cosmetics financial factbook’. Ma, tra tanti indicatori positivi, ci sono appunto dei… ma. L’alto di gamma, in base alle analisi, si ferma infatti a una crescita del 3,4% nel quadriennio mentre avanza il segmento premium ed entry-to-luxury. La fascia di prodotti di livello medio-alto, quindi, guadagna terreno e tocca il 100 miliardi. Per questo specifico segmento, il tasso di aumento previsto è decisamente maggiore: +6% al 2020.

Portafogli diversificati tra beni di lusso e premium

“Il lusso, che negli anni di crisi guidava la crescita, sta rallentando” afferma Federico Bonelli, partner Ey. Oggi in corso ci sarebbe una “rivoluzione dei consumi”. Gli stili di acquisto fra i consumatori sono modificati e oggi si tende a diversificare il portafogli tra beni di lusso e premium. Inoltre, i consumatori sono sempre più attenti anche ai segnali e alle indicazioni che arrivano dal mondo digitale, così come c’è un forte interesse della finanza per i nuovi brand emergenti dell’entry-to-luxury.

Stati Uniti ed Europa i regni del lusso, ma avanza la Cina

Inevitabilmente, cambia anche la mappa del lusso. Se Stati Uniti ed Europa occidentale rimangono le due potenze più importanti (rispettivamente con 131 miliardi e 109 miliardi), la Cina avanza a grandi passi: i consumatori cinesi si apprestano a diventare la terza “nazione” più grande, con un peso di oltre 100 miliardi di euro a livello mondiale.

Il Made in Italy solido in pole position

Il Made in Italy si conferma un’eccellenza capace di attrarre investimenti. L’Italia è la seconda nazione, dopo gli Usa e prima della Francia, per numero di operazioni M&A (merger and acquisition, fusioni e acquisizioni). Cambiano però anche le modalità di acquisto: scendono infatti le transazioni nei negozi fisici a favore dell’e-commerce.

Condividi:

Gli italiani ed il rituale del caffè

La passione che gli italiani hanno per il caffè è un qualcosa che va ben oltre il semplice apprezzare il gusto di una buonissima bevanda: è a tutti gli effetti un rituale di piacere e benessere da concedersi anche più volte al giorno, da soli o in compagnia per scambiare due chiacchiere. Che sia al mattino appena svegli, in ufficio, al bar nel corso della giornata o a casa dopo cena, ogni momento è quello adatto per concedersi l’amata tazzina, magari con le persone alle quali teniamo di più. Oggi esistono capsule con miscele e aromi di ogni tipo, ma bisogna assicurarsi che la qualità del prodotto che si va a scegliere sia veramente elevata, se si desidera provare ogni volta quella piacevole sensazione che è possibile vivere quando si prende un caffè al bar. Ad influire è certamente la qualità della materia prima, la miscela, la tostatura e l’intero processo di lavorazione. Soltanto il caffè di prima scelta, lavorato secondo la più antica delle tradizioni, può dare vita ad un prodotto di assoluta qualità, in grado di regalare piacevoli sensazioni ad ogni sorso.

La capsule Lavazza a Modo Mio by Cialdamia sono le più amate dagli italiani proprio per l’indiscutibile qualità delle miscele adoperate, tangibilmente di altissimo livello ed in grado di soddisfare i desideri di ciascuno grazie alla grande varietà di scelta. Scegliendo queste ottime capsule, si avrà la possibilità di provare miscele dal gusto più intenso o delicato in base ai propri gusti, tantissime miscele appositamente selezionate ed in grado di stupire sorso dopo sorso. La loro assoluta convenienza inoltre, rende queste cialde ancora più oggetto del desiderio agli occhi di ogni intenditore: gusto, qualità e convenienza quindi, per un prodotto in grado di regalare piacevoli sensazioni al palato sorso dopo sorso, tazzina dopo tazzina.

Condividi: