Carte di credito, con la tecnologia diremo addio alla firma sulla ricevuta

La firma sulla ricevuta dopo i pagamenti effettuati con la carta di credito potrebbe presto diventare solo un ricordo. Si tratta di un’evoluzione dovuta in primo luogo alla tecnologia, che renderà obsoleta la firma a cui siamo tutti abituati. In effetti, in alcune aree del mondo tale procedura è già realtà. Questa novità è stata introdotta da poche settimane dai principali operatori, MasterCard, Visa e American Express, per ora solo nel Nord America. Ma il cambiamento in corso potrebbe coinvolgere a breve anche l’Italia.

Carte di credito, cosa cambia e cosa resta

Una delle prime realtà a mettere in atto i cambiamenti in merito all’utilizzo della carta di credito è stata American Express, che ha abolito l’obbligo di firma per le transazioni con carta per tutti i suoi utenti in ogni angolo del mondo, quindi anche per gli utilizzatori italiani. Però, se dal punto di vista tecnologica questa novità è già perfettamente attuabile, non è ancora detto che si potrà dire addio in maniera definitiva alla firma sulle carte di credito. Le questioni sul tavolo, infatti, sono diverse.

Sarà un’opzione facoltativa?

La possibilità di utilizzare la firma o meno sarà un’opzione per lo più facoltativa per i punti vendita. In ogni caso, l’utente finale non ha il diritto di rifiutarsi di firmare qualora il rivenditore lo richieda. In questo scenario è la tecnologia, e la sua evoluzione continua, a rivestire il ruolo principale: Visa ha già eliminato l’obbligo di firma per le transazioni tramite carte con chip, di ultima generazione, e per i pagamenti contactless. La tendenza all’abbandono dell’uso della firma è in corso da diverso tempo: secondo Visa, ad oggi oltre il 75% delle transazioni sulle sue carte in Nord America non richiede una firma a causa dell’esenzione prevista su valori limitati.

Pericolo frodi? Nuove tecnologie hi-tech mettono al riparo dalle truffe

Questa ondata di novità non deve però mettere in allarme: non ci sarà un numero maggiore di frodi o truffe. A tutelare la sicurezza dei capitali dei clienti intervengono ora delle nuove tecnologie, come chip, dati biometrici e altri metodi per verificare l’identità di chi esegue le transazioni. L’operazione delle grandi società di carte di credito e pagamenti si spiega, infine, con la volontà di alimentare il numero di transazioni compiute dai clienti, eliminando processi superflui e aumentando gli introiti per chi gestisce la rete. Insomma, l’addio alla firma si dovrebbe tradurre in minori costi, più praticità e sicurezza ugualmente tutelata.

Condividi: